Stay up to date Subscribe to the newsletter!


facebook
linkedin
instagram
profilo-fb-nuovo
image-981
wagon

Partership with:

© Created by Federica Di Lorenzo Graphics: Stefania D'angelo Ph: Liliana Ricci

24/07/2019, 10:38



Coworking:-quando-la-parola-d’ordine-è-condivisione


 Insieme ad un lavoro che si fa sempre più smart, si è oramai affermato anche un nuovo modo di vedere e vivere l’ambiente stesso di lavoro. Il coworking sembra vedere un’unica costante: condividere.



Insieme ad un lavoro che si fa sempre più smart, si è oramaiaffermato anche un nuovo modo di vedere e vivere l’ambiente stesso di lavoro. Nientepiù ufficio fisso, orari ristretti o spese fuori misura. Il coworking sembra vedereun’unica costante: condividere. 

Il coworking è una nuova modalità di lavoro, originario diSan Francisco ma sempre più in espansione anche nei paesi europei, basata sutre concetti base: unione di conoscenze,flessibilità e creazione di rete.

Si tratta di un ambiente dove gli spazi lavorativi sonocondivisi da più persone, solitamente non appartenenti alla stessaorganizzazione o azienda, che hanno l’opportunitàdi continuare a lavorare in modo indipendente ma in un contesto all’insegnadella collaborazione e della creatività.

Chi decide di aprirsi ad uno spazio di coworking decide diabbracciare un’idea di lavoro 3.0.Non più staticità e non più solo Internet come campo innovativo di gioco. Ilpasso in più che viene fatto è la possibilità di fare networking tra esperti didiversi settori, nuovi clienti e partner con cui stringere collaborazioni. Ilflusso continuo di professionisti che matura all’interno di uno spazio dicoworking fa sì che ogni richiesta di semplice consulenza o di realizzazione diprogetti possa trovare un team composto da diverse voci in grado di lavorare insiemesimultaneamente alla concretizzazione dell’idea. Ciò che caratterizza di fattoi coworkers è la voglia di integrare il proprio tempo di lavoro con quelloaltrui, mettere a disposizione le proprie capacità e conoscenze per poibeneficiare di quelle provenienti dagli altri, avere l’opportunità diconcentrarsi sul proprio lavoro e allo stesso tempo lavorare in sinergia.

I vantaggi però non finiscono qui. Uno degli aspetti praticipiù vantaggiosi è sicuramente il lato economico. Oltre a superare tutti i nodiburocratici, il coworking consente di avere a disposizione vari servizi e tuttele utenze - come l’area cucina, servizi igienici o la connessione web - a costi più ristretti rispetto a untradizionale ambiente d’ufficio. Tutto questo senza dover mai rinunciare allaprofessionalità: stampante,postazioni fisiche di lavoro, sala riunioni, sala conferenze ed anche la salarelax, pronte ad essere utilizzate per meeting, organizzazione di eventi olavori singoli. Altro importante punto a favore è il trovare nell’operositàdi un coworking costante motivazione.Se nella quotidianità routinaria di un classico ufficio è difficile rimaneresempre sulla stessa linea di attività lavorativa, rischiando così di perdereogni spunto di novità, incontrare nuove persone provenienti da diverse realtà econ varie esperienze professionali, senza competizione o rivalità, alimenta laproduttività.  
Aspetto di base ma non da dare per scontato è la flessibilità, sia a livello di orari chedi organizzazione personale del lavoro. Un modo di far crescere e portare atermine i propri progetti che non vede restrizioni o obblighi dall’esterno, mache si basano sui tempi della singola persona.  

Per tutti questi motivi definire un ambiente di coworkingnon può limitarsi alla semplice descrizione di spazi fisici condivisi: è unvero e proprio network dinamico fatto dicontinue relazioni che si creano e si espandono, tramite incontri econfronti. Assemblare capacità ed esperienze diverse per far crescere se stessie gli altri non è mai stato così semplice.


1
Create a website