Rimani aggiornato Iscriviti alla newsletter!


facebook
linkedin
instagram
profilo-fb-nuovo
image-981
wagon

Partership with:

© Created by Federica Di Lorenzo Graphics: Stefania D'angelo Ph: Liliana Ricci

01/06/2019, 14:21



Investimenti-pubblici-per-Fablab-e-Coworking


 Il mondo del lavoro sta cambiando direzione



Il 4 agosto la giunta del comune di Milano ha deciso di stanziare, con un nuovo bando, 370 mila euro per le realtà imprenditoriali innovative. Il bando è rivolto ai coworking, ai fablab(fabrication laboratory) e i makerspace(laboratori artigianali).

Tutto questo è stato fatto per permettere sia alle nuove realtà sia a quelle già aperte di entrare a far parte dell’Albo creato nel 2013 per questi tipi di imprese. Nel 2013 gli spazi iscritti all’albo erano solo 10, ma ad oggi siamo a più di 70 e questo la dice lunga sulla direzione che sta prendendo il mondo del lavoro.

I finanziamenti saranno suddivisi in questo modo:
- 280 mila euro(fino ad un massimo di 20 mila euro ad operatore) per gli spazi che non sono iscritti ancora all’albo;
- 80 mila euro per la sostituzione delle attrezzature per le realtà gia iscritte all’albo.

L’obiettivo finale è quello di riqualificare le zone in periferia e costruire un piccolo eco sistema di servizi per la zona grazie appunto all’apertura e la consolidazione di questi spazi.
Insomma le istituzioni che guardano al futuro si stanno indirizzando su questo nuovo modo di intendere il lavoro. 


Mappa dei Coworking di Milano iscritti all’Albo
14/03/2019, 16:05



Smart-working:-cos’è-e-perché-funziona
Smart-working:-cos’è-e-perché-funziona
Smart-working:-cos’è-e-perché-funziona


 Negli ultimi anni, in Italia, sono sempre più in aumento le aperture di uffici condivisi improntati sul modello dello Smart working, che sviluppano e ribaltano i ritmi del lavoro e l’idea di workplace a cui siamo abituati a pensare.



Negli ultimi anni in Italia si sta espandendo il fenomeno dello SmartWorking, sia nelle aziende private che nella pubblicaamministrazione. Nel 2019 è stato riscontrato un aumento dell’8% dei dipendenti che lavoranoin autonomo o in remoto.
 
Che cos’èlo Smart Working?
 
Lo Smart Working (o Lavoro Agile)è un nuovo modo di considerare il rapporto di lavoro: non presenta alcun tipodi vincolo di orari o di spazio ed è organizzato per obbiettivi stabiliti dal datoree dal dipendente. Inoltre consente ai lavoratori di conciliare al meglio i tempi di vitapersonale con quelli del lavoro, favorendo allo stesso tempo la crescitaproduttiva, con relativa ottimizzazione dei costi sostenuti dall’impresa, inambienti meno formali, più stimolanti per il lavoratore ed altamenteprofessionali. 

Quadro normativo

Da un punto di vista normativo è stato fatto un passo in avanti inquesta direzione, infatti, un primo riscontro si può trovare nell’ormainoto Jobs Act, che ha introdotto nuove misure per la tutela del lavoroautonomo e per favorire l’articolazione flessibile dei tempi e dei luoghi dilavoro. Successivo è il Disegno di leggeAC. N. 2233, approvato al Senato nel maggio del 2017, in cui èpresente un testo che disciplina lo Smart Working. Ciò indica che anche nell’ambito legislativo si stanno aprendo nuoviorizzonti e prospettive in materia di gestione dei dipendenti e del flussolavorativo in un’ottica più moderna e dinamica.  

Un po’ di numeri...

Grazie ad uno studio condotto dall’ Osservatorio del Politecnico di Milano abbiamo appreso che inItalia, ad un anno dall’entrata in vigore della legge sul Lavoro Agile, ben il60% della Pubblica Amministrazione ha avviato numerosi progetti di Smart Working sfruttando la normativa citata, mentreil 23% degli enti pubblici lo aveva già pianificato e solo il 17% lo aveva introdotto prima della sua entratain vigore. Per quanto riguarda le imprese, invece, appena il 17% ha ritenuto diinvestire sullo Smart Working a fronte  dell’82% che lo aveva già introdotto o pianificato  prima dei richiamati interventi normativi.

Ormai il mondo lavorativo sta andando in questa direzione,  sulla scia dei benefici ottenuti dalle grandi aziende chehanno adottato questo "stile" di lavoro: a titolo esemplificativobasti pensare  all’apertura della  nuova sede generale di BNL, dello scorso anno,nella zona Stazione Tiburtina di Roma, improntata sul metodo dello SmartWorking e del co-working. Stessa strada intrapresa già da qualche anno dal  colosso dell’informatica, Google, che ricorresempre maggiormente agli strumenti  del"Lavoro Agile" per l’organizzazione dei propri spazi lavorativi. 

Negli ultimi anni, in Italia, sono sempre più in aumento le aperture di ufficicondivisi improntati sul modello dello Smart working, che sviluppano e ribaltanoi ritmi del lavoro e l’idea di workplace a cui siamo abituati a pensare. Anche noi, stimolati da queste nuove concezioni, convinti dell’importanza edelle potenzialità della condivisione, abbiamo dato vita a  LAB 606; non solo un luogo di lavoro, ma diincontro, di storie e di idee. 
Know people, realize yourself, create your idea.

Foto: Ufficio Google di Milano& Sede Generale BNL di Roma 
01/02/2019, 18:32

formazione, coaching



Business-Coaching


 Non propongono "ricette" standard valide per tutti, ma forniscono strumenti e soluzioni su misura che valorizzino le peculiarità e i punti di forza di ogni persona e contesto produttivo.



Il 9 marzo da Lab 606 siterrà un interessantissimo corso di Public Speaking organizzato dalla societàCoach2Coach. I fondatori, Patrick vom Bruck e Sibilla Ceccarelli, che hanno scelto di essere partner nonsolo nella vita ma anche nella loro professione, perché credono che lavorareinsieme per lo stesso scopo, la felicità dei loro clienti, dia un risultatoassolutamente unico, differente e più grande della semplice somma delle lorocompetenze. 
Con il loro lavoro intendono dare uncontributo alla creazione di una società in cui l’unicità e originalità diciascuno sia una risorsa centrale, nella vita privata così come nel lavoro.In ogni contesto partono da un’analisi dellarealtà per individuare nuove prospettive, alternative a quelle che oggi sidimostrano fallimentari nei vari ambiti della nostra vita. Il loro approccio sidistingue da quello puramente motivazionale, caratterizzato dalla retorica del"Se vuoi, puoi". Non propongono "ricette" standard valide per tutti, ma fornisconostrumenti e soluzioni su misura che valorizzino le peculiarità e i punti diforza di ogni persona e contesto produttivo. 
Ilbusiness coaching è rivolto a dipendenti, professionisti, manager oimprenditori che intendano migliorare la propria situazione lavorativa,raggiungere obiettivi in ambito professionale oppure scoprire e trovare il modoper sviluppare le proprie potenzialità e la propria vocazione.Grazie a unmirato percorso di Coaching individuale, si può migliorare la propria efficaciacomunicativa e superare gli ostacoli derivanti dalla timidezza e dall’ansia.Il Coaching potrà aiutarti a scoprire e allenareil tuo originale stile comunicativo. In questo modo potrai migliorare i tuoirapporti interpersonali a lavoro e nella vita privata e imparare a comunicareefficacemente anche di fronte a un pubblico. 
Il docente sarà Patrick vom Bruck, 42 anni, Communication Coach, inesperienza pluridecennale nel mondo della comunicazione radiotelevisiva, inqualità di autore e conduttore di trasmissioni giornalistiche, sportive e diteleshopping (tra gli altri La7, Sportitalia, Hse24).


1
Web agency - Creazione siti web CataniaCreare un sito web su misura